VENERDì 31 DICEMBRE DALLE h 22.30 ALLE 04.00

TOMBOYS DON'T CRY

3 1 1 2 2 0 1 1 P*A*R*T*Y

FESTA QUEER PER BESTIE PREZIOSE, FANTASTICDYKE, WONDERGAY
ABSOLUTE BEGINNERS & GIRLS LIKE YOU

Vieni a celebrate con noi una di queste opzioni:

A) New Age
B) No Age
C) Now Age

portando con te un libro, un ritaglio o una fotocopia su/di Judith Butler
riceverai un regalo segreto…

DJ SET:

S/HE
g o t h t r o n i c d a n c i n g

TZAZIKY & CRACK (SK?L? ?R?$$OS)
d i r t y d a n c i n g

+ s p e c i a l f r i e n d s

TREVILLE
e x o t i c d a n c i n g

UBI BROKI
e c s t a t i c d a n c i n g

+ h i d d e n p i a n o p l a y e r l i v e 0 0.0 0
L.A. GG
m o o n w a l k i n g p e d i e

7 euro / compresa tessera associativa 2012
5 euro / se gia' in possesso della tessera medionauta

....................................................

VENERDì 16 DICEMBRE DALLE h 19.30

LE CIRCOSTANZE DELL'AMORE

ArciLesbica ti invita all'Incontro con Alessia Muroni e
Le circostanze dell'amore

Delizioso menu di parole, di musica, di cibi
L'aperitivo e' a 7 euro, l'incontro non ha prezzo!

Il libro
Sicilia 1898. Due grandi famiglie aristocratiche, i piemontesi Carmontel e i siciliani D'Almaviva, si uniscono attraverso le nozze di Federico e Sofia. Nei giorni che precedono il matrimonio, Guglielmina e Angelica, future cognate, si incontrano. Un romanzo sulla capacita' di due donne di vivere e lottare per il reciproco amore.

L'Autrice
Alessia Muroni e' una quarantenne storica dell'arte.
Le circostanze dell'amore e' il suo primo romanzo e ha vinto il Women in Art Festival 2011 di Milano

.....................................................

SABATO 10 DICEMBRE DALLE h 18.30

ACCDIA - SEI VIZIOSO? FATTI PUNIRE!

djset MADRENATURA
disegni live – guest Anna Resmini e Arianna Vairo

"L’antitempo sta lanciando il numero zero ed è lieto di invitare tutti non a una, ma a 8 feste a sottoscrizione che, grazie a voi, permetteranno alla rivista di entrare in molte librerie italiane.
Giunti alla quinta festa, siamo lieti di farvi festeggiare l'ACCIDIA. E come a ogni iniziativa antitempesca, sarete circondati da ottima musica, guest star e dagli autori, pronti per dimostrazioni di satira live e ritratti a 4 mani!

L'antitempo
Una nuova proposta editoriale, un magazine di satira caratterizzato dalla partecipazione di autori italiani e internazionali.
Saranno pubblicate le più appuntite matite satiriche del globo, ospitate e tradotte per raccontare la cronaca, la quotidianità, gli eventi politici, sociali ed economici che le riguardano più da vicino.

ingresso 5€ con rivista in omaggio + 3 € tessera medionauta

.......................................................

GIOVEDì 24 NOVEMBRE DALLE h 20.00

Storia d'Italia attraverso le poesie di Franco Fortini

Per un buon uso delle rovine

Con Oliviero Corbetta Testi Ezio Partesana

Donne e uomini pensanti,
smemorati, anziani, ignoranti,
stranieri a casa propria,
studenti sopiti e compagni fuori corso:

Vi raccontiamo la storia d'Italia
dal 1945 in poi
come non l'avete mai sentita

con le poesie di Franco Fortini
e il testo di un vecchio compagno.

Per ricordare alcune cose con l'aiuto di Franco Fortini
o per ricordare Fortini con l'aiuto della storia d'Italia.

Franco Fortini
(Firenze, 1917, Milano 1994) E' stato un saggista, critico letterario e poeta italiano. È considerato tra le personalità più interessanti del panorama culturale del Novecento.

Oliviero Corbetta
Nato a Torino nel 1952, è doppiatore, direttore del doppiaggio e attore in campo televisivo, cinematografico e teatrale.

Ezio Partesana
Nato a Milano nel 1963, attualmente scrive per il teatro e si occupa di traduzioni e critica letteraria.

.......................................................

VENERDI' 11 NOVEMBRE DALLE h 19.00

11.11.11 nel segno di ZORN

Presentazione del libro
“JOHN ZORN – musicista compositore esploratore” di Maurizio Principato

Seguirà:

CRIME SCENE DJ set di Alessandro Achilli
A SHOT IN THE DARK Reading di Angie C
B-O COSMOVOICES LIVE di Boris Savoldelli

Una serata d’immersione nell’universo eclettico di John Zorn, in occasione della pubblicazione del libro di Maurizio Principato. 320 pagine di musica, cinema indie, cabala ebraica, esoterismo e fumetti, scanditi rigorosamente in sette capitoli, per il primo libro al mondo interamente dedicato all'opera omnia del mitico autore newyorkese.

Ad accompagnare la presentazione: DJset del giornalista e autore radiofonico Alessandro Achilli, un reading dell’attrice Angelica Cacciapaglia e una performance vocale di Boris Savoldelli.

La stessa sera a Milano per 11.11.11. Festival
http://111111festival.blogspot.com/2011/10/milano-stage.html

h. 21.00 O’, via Pastrengo 12 , Isola, Christian Wolfarth (Ch) & Enrico Malatesta (It) acoustic percussion, concerto dal ciclo OnMedia. www.on-o.org

h 21.30 Cascina Castelletto via cascina castelletto 1 - Pioltello (MI) QUASIVIRI//VOCI AD EFFETTO//FATESCHIFO! http://progap.splinder.com/

h 23.00 UNZA! Cicloofficina Nord–Niguarda Via Bianchi d'Espinosa ang. Graziano I
NEWTONE2060//LUCA PISSAVINI http://www.unza-milano.org/

powered by MI LAND

.......................................................

DOMENICA 13 NOVEMBRE DALLE h 21.00

DECIMUS
Giuseppe Ielasi DJ set

DECIMUS, ovvero di Pat Murano, membro fondatore della No Neck Blues Band, del duo K Salvatore assieme a Jason Meagher (NNCK, Black Dirt Studio) e del duo Key Of Shame assieme a Mark Morgan dei Sightings. Prima in Italia, per presentare due nuovi capitoli della serie di dodici LP dedicati ad una sintetica meditazione sullo studio dello zodiaco ad opera di Decimus Magnus Ausonius (310-395), e poi in Europa, per unirsi alla seconda metà del tour europeo dei Sightings. http://soundcloud.com/pat773

L'arduo compito di scaldare la pista spetta ad un insolito GIUSEPPE IELASI, che per l'occasione indosserà le vesti del deejay.

Quando è lontano dalla consolle Giuseppe, da solo o in compagnia, si occupa di musica d'improvvisazione. Suona con Renato Rinaldi, con Nicola Ratti e con Jennifer Veillerobe. Ha suonato dal vivo con Taku Sugimoto, Jerome Noetinger, Phill Niblock, Oren Ambarchi e molti altri. Ha fondato l'etichetta Fringes Recordings e co-fondato la Schoolmap Records, mentre ora si sta dedicando a Senufo Editions, ultimo suo progetto che gestisce assieme a Jennifer Veillerobe. Per uno o tutti questi motivi, lo scorso gennaio il suo nome è finito sulla copertina di The Wire. http://www.senufoeditions.com/
.......................................................

SABATO 19 NOVEMBRE DALLE h 21.00

The third one is guilty
Live at Medionauta

E’ un trio jazz che propone brani originali e tradizionali del repertorio jazzistico rivisitati e riadattati al trio.

Antonio Vivenzio Piano
Daniele Cortese Basso
Massimo Pintori Batteria

.......................................................

MERCOLEDÍ 26 OTTOBRE DALLE h18.00

TERRE
Lavori di Francesca Zoboli

Dopo un viaggio in Marocco,
carte/ruggine/plastica/fotocopie

Un lavoro fatto di forme che si ispirano ai segni del paesaggio marocchino e che compongono grandi tele il cui titolo è un omaggio a donne del mondo arabo, mediorientale e mussulmane vissute in epoche diverse, che l'artista ha voluto indicarci.

Francesca Zoboli si occupa di pittura, decorazione di interni e illustrazione
www.francescazoboli.com

(Previo appuntamento telefonico lo spazio è visitabile fino al 5 novembre dalle 18 alle 20, tutti i giorni tranne il martedì. Contattare 334 3393384 o 339 2926800)

.......................................................

MARTEDì 25 OTTOBRE DALLE h21.00

SELF PUBLISH, BE HAPPY
Bruno Ceschel presenta:

Self Publish, Be Happy è un’ organizzazione internazionale con base a Londra che da alcuni anni studia, promuove e distribuisce l'editoria fotografica indipendente.

Il suo fondatore Bruno Ceschel presenterà il progetto di nato nel 2010, attorno al quale si è riunita una community di giovani artisti liberi dalle logiche di mercato e di fatto interpreti di un aspetto significativo della scena artistica contemporanea.
Self Publish, Be Happy ha organizzato eventi presso ThePhotographers' Gallery, ICA e Whitechapel Gallery a Londra, FOAM ad Amsterdam, OffPrint a Parigi, nonché il Flash Forward Festival di Toronto e Boston.

L’incontro fa parte di una serie di eventi promossi da MiCamera che ospiterà per la prima volta in Italia il progetto SP,BH con un’istallazione fotografica e una biblioteca di libri autoprodotti e con due cicli di workshop sull’autoproduzione del libro fotografico.

MOSTRA SELF PUBLISH, BE HAPPY / POP-UP SPACE @ MiCamera
Inaugurazione mercoledì 26 ottobre h 19.00 –
MICamera via Medardo Rosso - Milano INFO : www.micamera.it

WORKSHOP sull’autoproduzione del libro fotografico con Bruno Ceschel
22-23 ottobre / 3-4 dicembre - INFO : www.micamera.it

Bruno Ceschel
italiano trasferito a Londra, è scrittore, curatore e docente di fotografia presso il Camberwell College of Arts di Londra. Ha fondato Self Publish, Be Happy (selfpublishbehappy.com), organizzazione che mira a promuovere, produrre, vendere e studiare i libri fotografici autoprodotti. Dal 2010 a oggi, Self Publish, Be Happy ha organizzato eventi presso ThePhotographers' Gallery, ICA e Whitechapel Gallery a Londra, FOAM ad Amsterdam, OffPrint a Parigi, nonché il Flash Forward Festival di Toronto e Boston. Nel corso dell'estate 2011, la mostra itinerante di libri è stata esposta nell'ambito di vari festival di fotografia.
SP,BH ha pubblicato il primo libro dal titolo SPBN – Self Publish, Be Naughty nell'ottobre del 2011. In precedenza, Ceschel ha lavorato per l'edizione del 2008 della Brighton Photo Biennial, è stato redattore presso Chris Boot Ltd, e redattore per la rivista Colors. Ha curato esposizioni presso Fashion Space Gallery and HotShoe Gallery di Londra. Attualmente sta lavorando al suo primo libro, dal titolo Dissident Desires – Identities in Contemporary Photography, che uscirà per Aperture nel 2013.
www.selfpublishbehappy.com

.......................................................

GIOVEDì 20 OTTOBRE DALLE h18.30

CORTO HELVETICO AL FEMMINILE
Proiezione dei migliori corti dell’edizione 2011 + dibattito

Un progetto internazionale di grande interesse nato dalla dalla volontà di dare visibilità al cinema giovane femminile: dalle registe emergenti alle produttrici e ai nuovi volti.
Un’occasione per immergersi nel punto di vista delle donne sul mondo di oggi.

Fiction, documentario, animazione e videoarte queste le categorie del festival con un’attenzione ed un premio speciale di Amnesty International per documentari e fiction con contenuto sociale.
Tra gli autori di questa edizione segnaliamo: Lola Frederich (FR), Sarah Host (CH), Verena Fels (D), Lucìa Del Rìo (SPA), Eugenia Castello (BR).

A seguire un incontro con Pilar Koller direttrice del Festival, Piero Pezzoni di MiCamera in movimento e l’associazione DI NUOVO.

Programma
h 18.30 - 20.30 prima sessione di proiezioni
h 21 dibattito
h 22 seconda sessione di proiezioni

CORTO HELVETICO AL FEMINILE
https://www.facebook.com/pages/Corto-Helvetico-al-Femminile/206553060554
http://www.ch-alfemminile.ch/

MiCamera in movimento
Nuova sezione dedicata al video e al cinema, con workshop, incontri ed eventi; dell’Associazione MiCamera.
Il primo appuntamento sarà icon Michelangelo Frammartino (11 - 12 - 13 novembre). A cui seguiranno incontri e workshop con Luca Bigazzi, Gianni Canova, Fabio Ilacqua, Elviio Annese, Pietro Marcello e Gianni Celati.
www.micamera.it
https://www.facebook.com/micamerainmovimento

ASSOCIAZIONE DI NUOVO
Tra i principali soggetti promotori, a livello locale e nazionale, delle iniziative di Se non ora quando. Obiettivo di Di Nuovo è coinvolgere in maniera trasversale donne di tutte le eta’, provenienze ed estrazioni sociali, per riportare all’attenzione della società intera il tema della partecipazione delle donne alla vita politica del Paese e di educare al rispetto delle differenze e contribuire allo sviluppo di una società più attenta alle differenze di genere.
http://dinuovodinuovo.blogspot.com/

Con il patrocinio del consiglio di zona 9

.......................................................

SABATO 22 OTTOBRE DALLE h20.30

Occhio per occhio dentro per dentro
Un lavoro teatrale/musicale di Makardìa

Vogliamo raccontare storie.
E cantarle.
Storie nostre e che appartengono a chiunque voglia ascoltarle.
Storie piccole, come i nostri paesi.
E semplici.
“Occhio per occhio dentro per dentro”:
sguardi, punti di vista, intimità ed accoglienza.

Dare un nome alle cose significa possederle, e tracciare i confini di uno spazio significa conquistarlo:
il nostro messaggio vuole essere una voce, una voce che si incrocia con altre,
che non si sa da dove arriva né dove sta andando,
una voce di passaggio che attraversi la “Terra dei Lupi”,
l’Irpinia, alla quale apparteniamo.
L’aria che vogliamo si respiri nel nostro spettacolo è quella quotidianità che appartiene ai posti che abitiamo,
riuscire a costruire un quadro di parole e di musica che ritragga la nostra gente, i nostri ritmi, i volti, i mestieri, le nostre paure,
senza un’eccessiva teatralità, ma solo attraverso pochi minuti di suoni.
Una voce che riempia questi luoghi a volte così deserti,
capace di aprirsi nello stesso momento al passato e al futuro,
una voce capace di ospitare ed essere ospitata,
di uscire dai suoi limiti e saper ritornare a casa più ricca di prima.
Occhio per occhio dentro per dentro:
guardare noi stessi e quello che ci circonda con più sguardi possibile,
e andarcene “dentro per dentro”, come dicono i vecchi,
attraversando e lasciandoci attraversare dalle vie più brevi,
ma sempre più strette e meno conosciute.

.......................................................

MERCOLEDÍ 6 LUGLIO h19.00-22.00

Rexistenz, Coucou netlabel e To lose la track presentano:
ITALIAN MICROMUSIC 4 JAPAN
Compilation benefit per le vittime del disastro nucleare di Fukushima.


Rexistenz, Coucou netlabel e To lose la track hanno il piacere di presentare "Italian Micromusic 4 Japan", compilation benefit per le vittime del disastro nucleare di Fukushima.
Sessanta minuti della migliore musica chiptune ,15 tracce inedite, nate dalla collaborazione dei più rappresentativi artisti della scena italiana (Micropupazzo, Chipki, Cobol pongide, Mat64, Pablito el drito, Dj Minaccia, MaxFarnea & Audrey, Stupidboy, Fabiorosho, Frash, Buskerdroid, RuBRK, Kenobit, Arottenbit, Tonylight) masterizzate da Manual destruction.

Performance live di Pablito el drito, Arottenbit, Kenobit, Frash, Tonylight, RuBRK.

link per scariare la compilation e tutte le informazioni per la donazione:
http://www.myspace.com/rxstnz/blog/543471877
http://coucounetlabel.blogspot.com/2011/07/free-download-coucou16-va-italian.html

......................................................

MILANO RADICALE

A cura di Radical Intention + Caterina Iaquinta
Ospitato da Medionauta

A partire da giugno 2011, Radical Intention, in collaborazione con Caterina Iaquinta, promuove Milano Radicale, un progetto articolato in tre fasi che intende attivare una riflessione sul concetto di radicalismo e su una sua possibile contestualizzazione nella produzione artistica contemporanea milanese.
La prima fase consiste in un ciclo di quattro conferenze rivolto all’analisi delle strategie visive e compositive che, tra il ‘73 e il ‘79 a Milano, hanno caratterizzato una particolare produzione artistica in riferimento soprattutto a immagini fotografiche, uso di slogan e immagini pubblicitarie, murales e anche alcuni aspetti dell’immagine in movimento. Gli interventi di quattro protagonisti della scena milanese di quel periodo (Fernando De Filippi, Paolo Rosa, Giovanni Rubino e Roberto Taroni), saranno seguiti da un gruppo di giovani artisti selezionati con l’obiettivo di avviare assieme a loro un percorso teorico e pratico che troverà nella seconda fase del progetto un momento di sperimentazione e condivisione laboratoriale nel contesto della residenza Corniolo Art Platform (agosto 2011) e infine si concluderà con una mostra collettiva (dicembre 2011 – gennaio 2012).

Il presupposto da cui il progetto ha preso avvio è l’idea di radicalismo, inteso come comportamento di opposizione e antagonismo. Se, infatti, nel corso degli anni Settanta numerosi processi artistici potevano essere definiti “radicali”, essi erano tali soprattutto perché nascevano in reazione a un potere considerato “nemico” e che attraverso il loro operato intendevano sovvertire, e perché una buona parte degli artisti attivi non potevano esimersi dal discutere nel loro operato alcune emergenze sul piano sociale e politico, creando così una discontinuità rispetto ai processi uniformati dell’arte. Se si considerano infatti alcune vicende artistiche che si sono susseguite a Milano tra il 1973 e il 1979, risulta come nell’arco di quegli anni il piano della contestazione e dell’impegno politico non era scollegato da quello della produzione artistica e culturale nella promozione di una funzione dell’arte come azione culturale, rivolta alla ridiscussione e ricostruzione dei codici visivi e spaziali, indicando in questo senso proprio la città di Milano come un esempio di “radicalismo” nel più ampio contesto europeo.
Oggi, quando l’azione artistica è estranea a quella politica, l’arte non persegue più un antagonismo “mirato”, ne consegue che laddove persiste una sensibilità “radicale”, il radicalismo ha cambiato forma.

“Milano Radicale” vuole interrogare quali siano i luoghi e i metodi in cui la pratica artistica possa ancora esprimere un carattere radicale e quali siano le forme in cui questo aspetto si manifesta. Attraverso il riferimento al clima culturale degli anni Settanta milanesi, l’intento del progetto è quello di contribuire a un “aggiornamento” del concetto di radicalismo.

#1: Conferenze
8 | 15 | 22 | 29 giugno 2011 | ore 19

Attraverso il coinvolgimento di alcuni protagonisti della scena artistica e culturale milanese come Fernando De Filippi, Paolo Rosa, Giovanni Rubino e Roberto Taroni, il progetto Milano Radicale attiva un ciclo di conferenze in cui i relatori saranno invitati a commentare, analizzare e discutere, insieme agli artisti selezionati per la residenza della fase successiva e al pubblico, alcune opere visive prodotte da loro stessi o in collaborazione durante gli anni Settanta. L’intento è qui quello di ridiscutere metodi e strategie ricorrenti nella pratiche artistiche degli anni Settanta e fare così della riflessione artistica sull’immagine un pretesto per sondare l’eredità di quelle pratiche nella produzione artistica e culturale cittadina attuale.

> Paolo Rosa - 8 giugno, ore 19
Paolo Rosa insieme a Tullio Brunone, Giovanni Columbu, Claudio Guenzani e Ettore Pasculli, è stato un esponente del Laboratorio di Comunicazione Militante, attivo dal 1975 al 1979; nel 1976 il gruppo occupò la Chiesa di San Carpoforo a Milano, trasformandola in centro culturale autogestito: la Fabbrica di Comunicazione Militante. Con la mostra “Strategia d’informazione” (Rotonda della Besana, Milano, 1976; Casa del Mantegna, Mantova, 1977) il Laboratorio volle mettere in discussione il potere delle immagini massmediatiche, sottoponendole a un vero e proprio processo “decostruttivo”: inquadratura, illuminazione, uso della retinatura, posa dei soggetti ritratti, venivano ricombinati per dimostrare di volta in volta la fallacia della resa visiva. Il video Facce di festa, girato nel 1980 – una riflessione su un frammento di realtà giovanile dispersa e in cerca di nuovi riferimenti – ha segnato lo scioglimento del Laboratorio e la nascita di Studio Azzurro, gruppo fondato nel 1982 da Paolo Rosa, Fabio Cirifino e Leonardo Sangiorgi.

> Roberto Taroni - 15 giugno, ore 19
Roberto Taroni fondatore, nel 1977, di Sixto Notes. Ha ideato e curato nel 1981 “Sonorità Prospettiche”, una mostra sui rapporti tra Suono e Ambiente. Le sue opere sono state presentate all’interno di Manifestazioni internazionali quali la Biennale di Venezia, la “Settimana Internazionale della Performance” di Bologna, il “Symposium Internationale d’Art Performance” di Lione, “Forum ‘80” a Middelburg, “Anni ‘90” a Bologna, “Arte Italiana 1960-1982” a Londra, e in Gallerie private internazionali e in Musei quali il Centre Pompidou di Parigi, il Koelnischer Kunstverein di Colonia, il Folkwang Museum di Essen, l’ELAC di Lyon, il Wexner Center for the Arts di Columbus, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e il PAC di Milano. Protagonista della Performance Art e della Video Art internazionali a partire dalla fine degli anni ‘70, ha costruito il suo percorso artistico attraverso mostre, istallazioni, ambienti, performance e video, che mettono costantemente in relazione l’Arte Visiva con le altre discipline artistiche.

> Fernando De Filippi - 22 giugno, ore 19
Fernando De Filippi ha tenuto tra il 1973 e il 1980 il Corso di Tecniche Grafiche Speciali presso l’Accademia di Belle Arti di Brera (Milano); gli allievi del laboratorio, costituitisi in collettivo, concepirono e stamparono la maggior parte delle icone e slogan utilizzate nei cortei milanesi di quegli anni e che hanno accompagnato la contestazione degli anni Settanta. Ha partecipato a numerose mostre tra cui “Testuale. Le parole e le immagini” (Milano, 1979), nella quale presentò striscioni e manifesti collocati in tutta la città che riportavano testi tratti dagli Scritti sull’arte di Marx e altri scritti dello stesso De Filippi, alle edizioni della Biennale di Venezia del 1970, 1972, 1976, 1978 e 1980 e alla Quadriennale di Roma nel 1965, 1972 e 1986. È stato direttore dell’Accademia di Brera.

> Giovanni Rubino - 29 giugno, ore 19
Giovanni Rubino è stato tra le figure catalizzatrici del Collettivo Autonomo Pittori di Porta Ticinese. Ha organizzato numerose mostre ed eventi in spazi pubblici, tra cui la serie della “Mostra incessante per il Cile” (Milano, 1973-76; nata in seguito al colpo di stato di Pinochet, la mostra rappresentò il momento di maggior adesione del Collettivo di Porta Ticinese e vide il susseguirsi di numerosi interventi, principalmente nella Galleria di Porta Ticinese di Gigliola Rovasino, fino al suo atto conclusivo alla Rotonda della Besana nel 1977) e la mostra/convegno "Un po’ poetico, un po’ politico" (Milano/Pavia, 1979; la mostra e il convegno, con l’esplicito riferimento alla sfera del "poetico", videro l’affacciarsi del tema della sconfitta politica e della figura dell’ “artista-eroe” che segnerà tutti gli anni Ottanta). Nel 1976 partecipò alla sezione italiana della Biennale di Venezia dedicata all’Ambiente come sociale, a cura di Enrico Crispolti.


Radical Intention
Attivo dal 2009, Radical Intention è un collettivo aperto con base a Milano. Il collettivo attiva strategie di ricerca e produzione nell’ambito artistico-culturale. La collaborazione e l’interazione sono alla base della ricerca e della pratica di Radical Intention, che per ciascun progetto promosso ricerca la sinergia di personalità la cui riflessione è affine al tematica in questione.Nel 2010, Radical Intention ha promosso il progetto “Things Can Change Quickly” che, nel contesto di una casa/laboratorio a Milano, nell’arco di sei mesi, ha visto l’avvicendarsi di due tipologie di appuntamenti: una residenza di tre giorni di artisti attivi nel territorio nazionale e una serie di discussioni attive e partecipative su temi legati alla produzione artistica. Nasce da questa prima esperienza, ed è attualmente in corso, il progetto “Milano Open House”, una residenza per curatori, il cui scopo è guidare i curatori ospiti in una serie di incontri con gli artisti attivi nel territorio milanese. Dal 2011, il collettivo (in collaborazione con Valerio Del Baglivo, Iacopo Seri, e Angelo Sarleti) ha attivato il progetto “Becoming Rather Than Being”, un’indagine intorno al tema della free education, che ricorrendo a modelli educativi innovativi e sperimentali propone incontri e laboratori legati al tema dell’educazione e del progresso culturale.

Caterina Iaquinta
Vive e lavora a Milano.
Sta svolgendo un Dottorato in Discipline Filosofiche. Artistiche e del Teatro presso l’Università Cattolica di Milano, con un progetto di ricerca volto a indagare la prospettiva teorico-critica e storiografica delle pratiche performative, in particolare in rapporto all’azione sociale e al teatro di ricerca con un focus sulla scena italiana dal 1975 al 1980. Si è occupata di rapporti tra produzione artistica, femminismo e contestazione sociale negli anni Settanta. Collabora con il Dipartimento Arti Visive di NABA - Nuova Accademica di Belle Arti di Milano. Come curatrice ha sviluppato progetti espositivi tra cui Dissertare/Disertare (2006) e La Forza dei Legami Deboli (2008), elaborati in network con il coinvolgimento di curatori e realtà no-profit italiane.

INFO
radicalintention@gmail.com
Michele D’Aurizio
michele.daurizio@gmail.com
cell. 333 3802512
Aria Spinelli
aria.spinelli@gmail.com
Cell. 339 7819346

......................................................

SABATO 28 MAGGIO

VVVV - Patcher Kucha

Patcher Kucha a Milano:

incontro organizzato per condividere conoscenze
e migliorare tecniche di interaction design
utilizzando vvvv e i software/device ai quali si può interfacciare:
processing, traktor, live, eyesweb, arduino, kinect, carnivore, ecc.

L' idea prende vita dal Patcher Kucha "madre" che si tiene ogni 2 anni al NODE di Francoforte,

vedi
http://vimeo.com/21590552 .
http://vvvv.org/

ospiti : Nathan - http://www.abstractbirds.com/ - Seba - kinect

......................................................

LUNEDì 16 MAGGIO DALLE 19.00

Fuori dal Vaso / Isola Art Center presentano
G come Gentrificazione - #1 - La trasformazione del quartiere Isola
Incontro-laboratorio tra abitanti, artisti e ricercatori

G come gentrificazione è un percorso pensato per indagare il concetto di gentrificazione e le forme che sta assumendo sul territorio milanese. Si parla di gentrificazione quando la ristrutturazione o la costruzione di nuovi stabili residenziali in un quartiere storico producono profonde trasformazioni economiche, sociali e culturali. Le conseguenze più visibili di questo processo, come la privatizzazione degli spazi pubblici, l’aumento degli affitti e la trasformazione delle funzioni di un quartiere, sono spesso discusse separatamente; parlare di gentrificazione permette invece di mettere questi elementi in relazione e di analizzare la situazione nel suo complesso.

Partendo da questa osservazione, Fuori Dal Vaso (gruppo interdisciplinare nato dalla collaborazione con Isola Art Center) e Isola Art Center propongono una serie di lezioni e laboratori sul tema della gentrificazione per indagare le basi di questo processo, e soprattutto cercare di dare una risposta attiva e propositiva attraverso progetti artistici.
Attraverso G come Gentrificazione, Fuori Dal Vaso vuole creare un lessico in grado di descrivere e analizzare le trasformazioni della città nei suoi molteplici aspetti. Isola Art Center abbraccia il progetto offrendosi come centro d’indagine e come luogo d’incontro per altre realtà critiche milanesi.

Il quartiere Isola sta subendo ormai da diversi anni un processo di trasformazione imposto dall’alto che ha cambiato radicalmente l’aspetto della zona, e stravolgendo la vita quotidiana dei suoi abitanti. Il primo incontro vedrà la presenza di Mara Ferreri, ricercatrice in geografia urbana e culturale, in collaborazione con Isola Art Center e Fuori Dal Vaso che faciliteranno una discussione pubblica sulla gentrificazione attraverso la creazione di una mappa concettuale per individuare trasformazioni visibili e invisibili del quartiere Isola.

Mara Ferreri
Dottoranda in geografia urbana e culturale presso la School of Geography, Queen Mary University of London, UK

Fuori Dal Vaso
Un gruppo interdisciplinare nato dalla collaborazione tra artisti, curatori e ricercatori e Isola Art Center, che appoggia le lotte interne al quartiere Isola attraverso una serie di azioni urbane, mostre ed eventi.

......................................................

DOMENICA 22 MAGGIO

GENTLESS3
MEDIONAUTA IN COLLABORAZIONE CON TORCHIERA VI INVITA AL CONCERTO DEI GENTLESS3 IN CASCINA AUTOGESTITA TORCHIERA SENZACQUA ORE 21.00 OFFERTA LIBERA!
Piazzale cimitero maggiore 18 – milano
[Tram 14, bus 40, radiobus]

Uscito nel 2011 per Wild Love Records con la benedizione de L’Arsenale (Federazione Siciliana per la Musica e le Arti), l'album di Gentless3 è già stato recensito come "..un teso songwriting, ma non solo: il post (?) rock di unwoundiana memoria che passa per i territori iblei", un disco fatto di "atmosfere dai suoni gravi che creano un tappeto musicale degno di una colonna sonora" e "sognanti e nervose a tratti, degne sonorizzazioni di paesaggi immaginari". Carlo Natoli (Skrunch, Tellaro, The Assassins, bodyHammer) con Sergio Occhipinti (chitarra, già con Illogo), Sebastiano Cataudo (batteria) e Floriana Grasso (piano elettrico da Pecora, Big Shave, Hoovers), riporta le coordinate sullo scontro in bianco e nero tra strumenti nudi & crudi, openTunings per chitarra baritono e spleen da assolata campagna del sud-est: "ballate scure, introverse ed emotive, evocative e commoventi, intrecci di chitarre ossessivi e voce a scandire, in un perfetto equilibrio di pace tormentata e rabbia trattenuta di chi sa che bisogna pur fare. E' davvero difficile trovare un solo momento di questo disco che non trasmetta devozione e sincerità, se Dylan incrociasse i Black Heart Procession, probabilmente, suonerebbe così".Canzoni che non andavano disseppellite, evidentemente.

www.gentless3.com

......................................................

VENERDì 13 MAGGIO DALLE h. 20.30

CATHEDRALS - LE CATTEDRALI TRA VISIBILE ED INVISIBILE

h. 20.30 presentazione del progetto
h. 21.30 LIVE ELECTRONICS

Una mappatura sonora dei luoghi sacri
Concerto di Pietro Ribarbelli

In collaborazione con A.I.P.S. (ARCHIVIO ITALIANO PAESAGGI SONORI)

Il filosofo e compositore Pietro Riparbelli terrà a MEDIONAUTA Venerdì 13 maggio 2011 alle h.20.30 un’incontro - con a seguire performance live – per presentare il suo progetto “CATHEDRALS”- “le cattedrali tra visibile ed invisibile”.
Il progetto di ricerca poetico ed esperienziale di Pietro Riparbelli ha come finalità quella di condurre un’indagine acustica delle cattedrali con particolare attenzione alla dimensione trascendentale/simbolica delle stesse.
Una ricerca che si colloca tra l’Archeoacustica e la Transcomunicazione Strumentale disciplina che cerca, all’interno di luoghi connotati, la presenza di tracce sensibili riconducibili ad altre dimensioni, definite “onde residue” dal teologo F. Brune.
Il progetto prevede un processo partecipativo aperto a contributi di altri autori, workshop, performance live electronics e la creazione di un archivio sonoro ed è realizzato in collaborazione con A.I.P.S. –Archivio Italiano Paesaggi Sonori .
Pietro Riparbelli ha realizzato registrazioni in loco, presso la cattedrale di Orvieto, L’abbazia di Saint Germain e Notre Dame a Parigi, La basilica di San Francesco d’Assisi e molte altre.
Durante il live saranno utilizzate anche sorgenti sonore registrate all’interno del Duomo di Milano e della Basilica di Sant’Ambrogio.
Il primo album –“4 Churches” composto da Pietro Riparbelli con sorgenti sonore dal progetto “CATHEDRALS” è stato pubblicato da Touch Music nel 2010.

Le cattedrali
Sono state concepite come “luoghi per il suono” permettendo al canto una perfetta diffusione, ed ospitando organi appositamente costruiti ed assemblati in loco in relazione alle dimensioni dell’architettura.
Le cattedrali erano libri scolpiti: ospitavano raffigurazioni di scene bibliche o episodi di storia locale, rispondendo alla funzione di istruire i fedeli e diffondere grandi narrazioni attraverso un linguaggio
simbolico. Gli stessi criteri architettonici seguiti per l’edificazione delle grandi cattedrali erano legati al simbolo e a precise coordinate geometriche e matematiche.

Pietro Riparbelli
è filosofo, compositore e artista multimediale che vive e lavora a Livorno.
Studia principalmente le dinamiche legate alla fenomenologia della percezione, con particolare attenzione alla dicotomia visibile/invisibile.
Sue performance ed installazioni sono state presentate presso la galleria d’arte contemporanea D’Amelio Terras (NY), all’Equinox Festival (London), durante le Nuit Blanche (paris) al Magazzino d’arte moderna (roma), presso la Fundacio’ Tàpies (Barcelona), a Base-progetti per l’arte (Firenze), al Palazzo delle Papesse (Siena).
I suoi lavori sonori sono stati pubblicati da Touch (UK), Radical Matters (IT), Aurora Borealis (UK), Actual Noise (US), Afe (IT), Boring Machines (IT), Old Europa Cafe (IT), Cold Spring (UK).
Durante gli ultimi tre anni ha collaborato con artisti come: Massimo Bartolini, Nico Vascellari, Philippe Petit, Francisco Lopez, Christina Kubish, ed altri.
E’ curatore e produttore esecutivo di una nuova serie “Metasound”, all’interno dell’etichetta indipendente Radical Matters, che si occupa principalmente di investigare la dimensione tra arte contemporanea e musica.
http://www.pt-r.com
www.pietroriparbelli.bandcamp.com
www.radicalmatters.com/metasound

.....................................................

GIOVEDì 12 MAGGIO DALLE h. 21.00
Diversamente Strutturati in collaborazione con
Serpica Naro&San Precario presentano:
OCCUPARE CALIFORNIA

Negli ultimi due anni un'Onda di occupazioni ha stravolto le università della California colpite dalla crisi e dai tagli. Da Berkeley a Santa Cruz e giù giù fino a Los Angeles, il movimento ha saputo usare un approccio creativo al conflitto e si è esteso tra studenti e ricercatori precari. Durante l'esplosione delle lotte si sono incontrati due modi diversi di rispondere alla precarietà e alle privatizzazioni: le occupazioni di massa e gli scioperi di San Francisco, e il ruolo degli spazi culturali di LA che hanno partecipato alla reinvenzione dei linguaggi delle proteste.
Un attivista losangelino di Occupy Everything e responsabile del Journal of Aesthetics & Protest racconterà la California delle occupazioni e quella della creatività al servizio dei movimenti sociali.

www.journalofaestheticsandprotest.org
www.occupyeverything.com

......................................................

VENERDI 06 MAGGIO h. 21.00

GOODBLEND link

Concerto jazz

......................................................

SABATO 7 MAGGIO DALLE h. 19.30

WOLFANGO

h19.30 esposizione locandine originali dei Wolfango 2006-2011
h.21.00 concerto acustico

Marco e Sofia: i Wolfango, duo altro-rock-sperimentale milanese.
In concerto a MEDIONAUTA in un assetto particolare: Sofia canta-e-balla mentre Marco (one-man-band) suona chitarra acustica, gran cassa, rullante -una scatola di biscotti-, un piatto, il tutto assemblato in modo casalingo.

Precede il concerto l’inaugurazione della mostra delle locandine originali, dal 2006 al 2011;
Marco, come un preistorico prima della caccia traccia animali nelle caverne, disegna una locandina fatta a mano come rito propiziatorio per ogni concerto.

Ti aspettiamo numeroso! Con tanti zeri!

......................................................

MERCOLEDì 20 APRILE h. 20.30

Sincronie presenta: HEADSCAPE

HEADSCAPE è un concerto immersivo che sfrutta le peculiarità dell'ascolto in cuffia per presentare performance altrimenti impossibili da realizzare.

Il nostro sistema di diffusione prevede un massimo di 40 ascoltatori, quindi è necessario prenotare.
Il concerto sarà diffuso via internet in tempo reale.
Per ascoltarlo scaricate il file "pls" da http://radio.streaminglive.eu:9090/listen.pls e apritelo con iTunes o Winamp.

lineup: Alessandro Ratoci | dies_ (otolab) | NABA | korinami

PORTATE LE VOSTRE CUFFIE!

www.sincronie.org

informazioni: info@sincronie.org
prenotazioni: prenotazioni@sincronie.org

L'evento è realizzato in collaborazione con Medionauta e con iFactory.

......................................................

OUT OF SPACE
13-17 aprile 2011

In occasione della settimana del design 2011,
MEDIONAUTA presenta OUT OF SPACE.
FALEGNAMERIA APERTA di N8, 7 CONTRO TEBE di Nunull e HAT, BAGS and PINS di D V ina invasione saranno accompagnati da incontri, laboratori, aperitivi e musica.
Saranno presenti anche le produzioni editoriali indipendenti (stampe e libri serigrafati) StraneDizioni e hARdCoRe bRIcOlagE

GUARDA IL PROGRAMMA!

......................................................

VENERDI 08 APRILE h. 20.45
¡VIVA MÉXICO!
Proiezione del documentario + incontro con il regista Nicolas Défossé

Un viaggio con il subcomandante Marcos, dalle montagne del sud-est messicano fino alla frontiera nord con gli Stati Uniti, disegna il volto dimenticato di un paese e di un popolo che lotta per la terra e la dignità.
La distribuzione del documentario è seguita personalmente dal regista Nicolas Défossé.
Dal 28 febbraio il film è presentato in Cinema, Associazioni, Università nei seguenti paesi europei: Francia, Svizzera, Belgio, Germania Inghilterra, Scozia, Francia, Spagna Portogallo Grecia e Italia
Alla proiezione seguirà un incontro-dibattito con il regista, modera il giornalista Stefano Milano.
Documentario “Viva México!”

......................................................

DOMENICA 27 MARZO h. 21.00

SIAMO NATI VEGETALI | proiezione + concerto
Diego Pascal Panarello + Andrea Tich

Proiezione di PATATACICLOPICA, un film breve come una fiaba dark musicata da Andrea Tich.
Esecuzione live di LE STRANE CANZONI, musica per un sogno psichedelico videografato da Diego P. Panarello.
La serata è il frutto della collaborazione artistica tra un filmaker e un compositore, legati dall'amore comune per i vegetali.

Special guest:
- La cucina invisibile presenta: Jacket Potato & Friends
- Il Patalogo illustrato di Maddalena F.

......................................................

SABATO 26 MARZO
DALLE h. 20.30
CENA TUNISINA - La cucina invisibile presenta: Cous Cous speciale
DALLE h 22.00
TESTIMONIANZE DALLA RIVOLUZIONE TUNISINA - incontro con Nouri Bouzid e Madou MC

Una serata di dibattito, musica e proiezioni organizzata nell'ambito del Festival di Cinema Africano, Asia e America Latina di Milano e, più in particolare, del ciclo di incontri “Mondo arabo: segnali da una rivoluzione contagiosa”. Saranno presenti il grande regista tunisino Nouri Bouzid, docente all'Ecole des arts e du cinéma di Tunisi, e il giovane rapper tunisino Madou MC. Ospite anche il rapper Akrepi dall'Albania.
Durante l'evento verrà proiettata una selezione dalla rassegna "Tunisia e le altre. Storie in parole e immagini dai paesi del Mediterraneo in rivolta." presentata in occasione del festival. Il pubblico potrà inoltre ascoltare alcuni brani cantati dal vivo da Madou MC e Akrepi.
Obiettivo della serata è offrire un occasione di incontro con gli artisti e una testimonianza diretta dalla rivoluzione tunisina in un'atmosfera conviviale, accompagnata dal gusto della cucina tunisina.

festival cinema africano

......................................................

VENERDI' 11 MARZO h. 19.00

BARCAZZA_ mostra del romanzo a fumetti di Francesco Cattani
In concerto l’imprevedibile duo GIOACCHINO TURU E VANESSA V.
+ special guest DAVIDE BRACE
Barcazza _Un’estate al mare tra luce abbacinante, scogli e marmocchi piagnucolosi. La storia di una relazione delicata che si dipana tra non detto, sottili psicologie e morbosità sopite. Un romanzo in punta di pennino che rimanda al miglior cinema intimista.
Premio Micheluzzi miglior storia breve 2008, Premio Nuove strade 2010 Fran­ce­sco Cat­tani_è nato nel 1980, dal 2004 ha auto­pro­dotto i fumetti Ini­zio…, Occhi vuoti e la serie di illu­stra­zioni i Sezionati. È uno dei fon­da­tori dell’etichetta indi­pen­dente Ernest, per la quale ha pub­bli­cato il fumetto Bar­cazza. Ha collaborato con rivi­ste e testate nazio­nali quali: XL Repub­blica, Rol­ling Stone, Internazionale, ANI­MAls, Gli Intrusi (Coco­nino Press), Hame­lin, For­tezza Europa e Resistenze. Sele­zio­nato nel 2008 per l’Annual dell’Asso­cia­zione Illu­stra­tori Ita­liani, nel 2009 realizza la serie di illu­stra­zioni per la Zero­Guida Torino, Edi­zioni Zero.
Il suo blog.

Gioacchino Turu e Vanessa V. _
Belli brutti capaci sexy terrificanti amano l'umano odiano
l'essere umano. Lo scontro tra mimesi e animali da
addomesticare. Tutto questo è pop!
http://www.myspace.com/gioacchinoturu
Davide brace_ www.myspace.com/mrbrace

VENERDI' 4 MARZO h 21.00

MATITA
Matita è una nuova idea del laboratorio creativo People From The Mountains, già noto per il progetto di folk concreto Musica da Cucina.
Nato come esperimento a due (Fabio Bonelli alle matite, Antonello Raggi al pianoforte elettrico) in occasione di Audiovisiva 2008 (Milano), dal 2010 il progetto si è ampliato assumendo le connotazioni di un vero e proprio gruppo di disegnatori ritmici.
Intorno a un lungo tavolo sono seduti 4 disegnatori che creano pattern ritmici con penne, matite e pennarelli su fogli opportunamente amplificati accompagnando le improvvisazioni del piano elettrico.
Nascono in questo modo piccole canzoni estemporanee, creazioni visual-sonore improvvisate come scarabocchi all’angolo di un foglio di appunti, come minuscoli disegni armonici abbozzati nell’aria...
La particolarità sta nel fatto che il tavolo è aperto alla partecipazione del pubblico che può sedersi al tavolo amplificato disegnare e suonare assieme al gruppo, riscoprendo il gusto, la bellezza di disegnare senza regole, giudizi o limiti, tornando immediatamente bambino.
Si creano in questo modo delle jam session inusuali, in cui può succedere che tutto il pubblico si trovi a disegnare al suono della musica.
Venite a disegnare!

FUROSHIKI WORKSHOP

L'arte giapponese di avvolgere, contenere, trasportare oggetti di ogni forma - ovvero l'alternativa multi-uso alla borsa della spesa ecologica
Durante la serata imparerai a piegare in diversi modi il quadrato di stoffa a seconda dell'oggetto contenuto e, a seguire, coloreremo insieme il tuo furoshiki con uno stencil dal motivo grafico giapponese e colori per tessuti. Contributo spese di 10 euro.
Per iscriverti manda una mail a lab@serpicanaro.org
Serpicanaro
......................................................

SABATO 19 FEBBRAIO h 21.00

QUIET MOOD Ins. | CONCERTO JAZZ
Quiet Mood Ins. è un quartetto jazz caratterizzato da un sound molto energico.
Gli “original” proposti, di matrice contemporanea, fondano le radici nella tradizione Hard bop.
Paolo Profeti Alto sax | Marco Confalonieri Piano | Daniele Cortese Fr. Bass | Andrea Bruzzone Drum

VENERDI' 3 DICEMBRE DALLE 19.00

INAUGURAZIONE COMER
progetto/mostra corale, tra illustrazione e fumetto
di Arianna Vairo e Davide Brace

- Live show de "Lalfio Bracie e Luomocane" (www.myspace.com/mrbrace)
- Selezione musicale di Pierluigi Longo e i suoi famosi vinili
- Cibi e bevande gentilMEnte offerti dalla rinomata Cantina Scoffone (Via Pietro Custodi 4 - Milano)

Carta verde o blu, olio nero, china bianca: “Comer” – progetto di Arianna Vairo e Davide Brace – si sviluppa, all'interno dei confini stabiliti da questo registro stilistico, nell'intreccio narrativo rizomatico di un racconto corale tenuto insieme dal raffinato tratto di Arianna Vairo, minimale nel suo giocare su una palette di colori molto essenziale.
L'ambientazione in un ristorante – luogo di passaggio in cui si intersecano diverse esistenze – fa da espediente narrativo per lo sviluppo di una storia che vede come protagonista un personaggio principale, il solitario avventore che campeggia nella grande tavola iniziale del progetto, in un racconto che, fatto di impressioni e suggestioni visive, lascia margine interpretativo allo spettatore, che si trova ad essere parte integrante di un intreccio narrativo sul tema dell'identità.